+39.02.57300000 |segreteria@confservizilombardia.it

Si è chiuso con un risultato positivo l’incontro di ieri, 19 maggio, tra Confservizi/Assofarm Lombardia e le parti sindacali davanti alla Commissione di garanzia dell’attuazione della Legge sullo sciopero dei servizi pubblici essenziali in relazione al rinnovo del contratto di lavoro dei dipendenti delle farmacie che applicano il CCNL Assofarm. Sono stati infatti sospesi lo sciopero e le altre iniziative promosse a sostegno della trattativa.

Nell’incontro di ieri in cui sono intervenuti in videocollegamento il viceprefetto aggiunto dott.ssa Laura Galbusera, in rappresentanza delle tre confederazioni FILCAMS CGIL, UILTUCS e FISASCAT CISL, Antonella Protopapa e Valeria Cardamuro, Renato Acquistapace e Giuliano Masina per Confservizi/Assofarm Lombardia – parte datoriale –  dopo l’analisi dell’attuale situazione che vede le parti da tempo impegnate a livello nazionale nelle trattative per il rinnovo del CCNL, scaduto da  7 anni, si è giunti  di comune accordo a ritenere necessario arrivare a una rapida e positiva chiusura delle trattative nell’interesse dei lavoratori e delle aziende pubbliche del settore.

“Confservizi/Assofarm Lombardiaspiega Renato Acquistapace – in ragione del numero delle farmacie comunali rappresentate nella regione (473 farmacie  comunali) e dell’importanza del loro ruolo nell’ambito socio-sanitario territoriale, come peraltro le drammatiche vicende legate alla pandemia hanno ben evidenziato, ha assicurato per quanto di sua competenza e di concerto con la Federazione nazionale, il massimo  impegno per il sollecito raggiungimento di un positivo ed equilibrato accordo che, nell’interesse di entrambe le parti  contribuisca a riconoscere adeguatamente la professionalità dei farmacisti garantendo il ruolo e la sostenibilità della farmacia pubblica”.

Colta la disponibilità di Confservizi/ Assofarm Lombardia ad impegnarsi per quanto di competenza per una sollecita e positiva conclusione delle trattative e a fronte di un incontro tra le parti già programmato a livello nazionale per il prossimo 31 maggio, le Confederazioni sindacali hanno deciso di sospendere lo sciopero e le altre iniziative finalizzate a sostenere il percorso di confronto.

Previous PostNext Post