+39.02.57300000 |segreteria@confservizilombardia.it

Il nuovo numero della nostra rivista Servizi&Società, in distribuzione in questi giorni, affronta il tema ambientale dall’angolo visuale che ci compete: quello delle imprese di pubblico servizio, che operano sul territorio e che, quindi, molto spesso sono direttamente coinvolte nella gestione delle crisi ambientali.
Le nostre aziende sono ormai leader – ognuna nel proprio settore – per le politiche di sostenibilità e nelle pratiche di contenimento della CO2, la cui immissione in atmosfera è una delle cause principali dell’innalzamento della temperatura.
Gli sforzi delle nostre aziende vanno però accompagnati con politiche più generali che le nostre istituzioni di governo devono rapidamente e con decisione mettere in azione.
Purtroppo c’è ancora molto da fare, come dice il Rapporto 2019 dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile. Su raccolta differenziata e qualità dell’aria, i miglioramenti che pure abbiamo realizzato non sono però ancora sufficienti e devono spronarci a fare meglio e più in fretta.
Nel nostro Paese sono infatti aumentati, anche da questo punto di vista, i divari tra Nord e Sud: il RapportoASVIS ci documenta come ambiente, città, e le stesse comunità, hanno nelle varie regioni un passo molto diversificato verso la sostenibilità.
E ci sono spesso anche diverse possibilità e consapevolezze nel predisporre delle politiche adeguate nella quotidianità amministrativa di Comuni e Regioni.

Abbiamo perciò ritenuto utile dare spazio all’esperienza di Milano, alla luce dei grandi obiettivi che l’Amministrazione comunale si pone con il Piano di Governo del Territorio al 2030. Anche noi, come Confservizi CISPEL Lombardia, come sistema di aziende, abbiamo da tempo intrapreso la strada di operare concretamente con i nostri piani industriali guardando  al futuro sostenibile del nostro territorio.
La nostra politica di confronto con le regioni del Nord-Ovest origina anche da questa consapevolezza. E i risultati li abbiamo misurati anche nell’ultima occasione di confronto a Torino per la presentazione del GREEN BOOK 2019. Si tratta del primo bilancio ambientale voluto e realizzato dalle Confservizi del Nord-Ovest, cioè dal coordinamento delle Associazioni regionali che operano in Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta per promuovere lo sviluppo strategico delle Utility che rappresentano e tutelano.
La prima collaborazione che abbiamo sviluppato riguarda il coordinamento delle politiche per la gestione dei rifiuti, mettendo a fattor comune un focus sulla governance, la distribuzione degli impianti e dei costi di gestione.
Sui risultati dell’incontro diamo ampio spazio in questo numero. Nella certezza che i risultati raggiunti, con il peso che oggi ha il tema rifiuti, sono importanti per la strategia di sviluppo sostenibile non solo delle quattro regioni del Nord-Ovest, ma di tutto il nostro Paese.

Di questo e molto altro nel nuovo numero della rivista che potete scaricare in formato PDF qui.

Previous PostNext Post