+39.02.57300000 |segreteria@confservizilombardia.it

23 luglio | Comitato Ambiente in videocollegamento

E’ stata convocata la riunione del Comitato Ambiente di Confservizi Lombardia. L’appuntamento è per venerdì 23 luglio 2021 dalle 10.00 alle 12.00
in videocollegamento con la piattaforma Zoom.

All’Ordine del giorno:
1. Comunicazioni del coordinatore di settore;
2. Approvazione verbale seduta precedente;
3. Protocollo di intesa Confservizi Lombardia-Ref Ricerche-UPEL Italia per l’attivazione di
un portale a supporto dei PEF 2022-2023.Presentazione;
4. Consultazione ARERA n. 282/2021 recante “Definizione del Metodo Tariffario Rifiuti per
il secondo periodo regolatorio (MTR -2) – Orientamenti finali”. Aggiornamenti;
5. Costituzione tavolo di lavoro congiunto Regione Lombardia-Confservizi Lombardia-Anci
Lombardia. Aggiornamento;
6. Varie ed eventuali.

Si chiede cortesemente di confermare la partecipazione.

Per informazioni e link di collegamento scrivere a segreteria@confservizilombardia.it

Tappa finale di Sharing Days a Mantova. La sostenibilità si raggiunge facendo rete tra imprese e istituzioni

Tappa conclusiva di Sharing Days. Diario di viaggio della sostenibilità in Lombardia.
Al centro dell’incontro di Mantova, Confservizi indica la strada per operare pienamente all’interno dei progetti del PNRR

 

“Da tempo le nostre aziende lavorano in rete con ANCI Lombardia, l’associazione nazionale dei Comuni italiani, i proprietari delle nostre imprese. Come aziende di servizi di pubblica utilità siamo pronte alla sfida del PNRR. Ma dobbiamo essere nelle condizioni di farlo”, così interviene il Presidente di Confservizi Lombardia Alessandro Russo, a ‘SHARING DAYS. Diario di viaggio della sostenibilità in Lombardia’, il percorso avviato nei mesi scorsi e conclusosi ieri a Mantova, presso la sede della nostra associata Gruppo TEA, con la collaborazione dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia.

“Oggi, purtroppo, la normativa che regola le nostre aziende industriali (che fatturano milioni di euro) non è pensata con una differenziazione per tipologie e capacità di business. Se siamo imprese dobbiamo avere tutte le carte per poterlo fare. Quindi è necessario che il Governo ci consenta, attraverso decreti normativi, di superare la situazione attuale tutta italiana: cioè la disparità di regole che spesso penalizzano il mondo delle utility! In Europa infatti il modello delle aziende pubbliche non è differenziato rispetto alle private. Questa è la condizione necessaria anche per poter accedere ai fondi del PNRR e poterli spendere”.

“Se i precedenti appuntamenti – ha precisato nel suo intervento Giuseppe Viola, Direttore generale di Confservizi Lombardia – si sono focalizzati su realtà aziendali volutamente esterne al mondo dei servizi pubblici, il sesto e ultimo incontro ha posto l’attenzione sul ruolo delle Istituzioni nella diffusione della cultura della sostenibilità nella nostra società”.

“Si tratta di un’opportunità unica – ha dichiarato il Sindaco di Mantova Mattia Palazzi – che vale la pena cogliere: creare reti tra attori diversi per vincere le sfide che abbiamo davanti (la digitalizzazione, l’innovazione tecnologica, la transizione ecologica e l’inclusione sociale). Le reti possono e potranno svolgere un ruolo effettivo per lo sviluppo dei propri territori”.

“Fare sinergie, costruire relazioni con consapevolezza, sostenibilità e innovazione è quel che le multiutility  fanno da sempre – aggiunge Massimiliano Ghizzi, presidente Gruppo TEA – Ora siamo chiamati a farlo ancora meglio per vincere le sfide dell’economia circolare e della transizione ecologica. Con questo spirito Tea ha ideato il premio futuro sostenibile che attribuiremo a ottobre per dare ulteriore impulso al tema dello sviluppo responsabile sul nostro territorio. La sostenibilità non è più un’opzione, ma un dovere”.

L’incontro di Mantova è stato valorizzato dalla partecipazione in presenza di Raffaele Cattaneo, Assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia che afferma: “Sono convinto che è possibile fare rete quando ci si incontra, non quando ci si scontra. Per questo sono qui. La differenza è tra chi pensa che la politica sia luogo di incontro e chi di scontro alla ricerca di un bene comune. Quelli che abbiamo davanti sono traguardi importanti, verso il 2030 e 2050.

Più che parlare di sostenibilità, dobbiamo dire come la facciamo. Lo sottolineo qui tra di voi responsabili di aziende che hanno proprio la specializzazione di fare le cose. Mi riferisco all’acqua, ai rifiuti, all’energia…tutti i settori base su cui costruiamo le politiche di sostenibilità. Una rivoluzione così è pari solo alla fase che nell’Ottocento fu la “rivoluzione industriale”. Questo percorso perciò si costruisce innanzitutto facendo cultura come avete fatto in maniera eccellente con il vostro Progetto di Sharing Days.  Le sfide di oggi sono complessive e interconnesse. Pensiamo soltanto a 4 temi: l’economia circolare, la transizione energetica verso fonti rinnovabili, la lotta alla biodiversità e il contrasto all’inquinamento. Temi che in Regione Lombardia stiamo realizzando con un percorso di coinvolgimento dal basso”.

A sottolineare la necessità di un approccio multidisciplinare allo sviluppo sostenibile- per poterlo applicare agli oltre 1500 Comuni lombardi (che vanno dai 37 abitanti alla città metropolitana) – è stato Mauro Guerra, Presidente di Anci Lombardia. I Comuni oltre a diventare i nodi delle politiche territoriali saranno sempre più i nodi di scelte e obiettivi che riguardano il futuro di tutti i cittadini.

La mattinata si è conclusa con l’Assemblea dei soci di Confservizi Lombardia a cui ha partecipato anche Andrea Gibelli, in qualità di Presidente del Gruppo Ferrovie Nord, nuova azienda aderente alla nostra Associazione, e come Presidente di Confservizi nazionale.

In distribuzione il nuovo numero della nostra Rivista Servizi&Società

In questi mesi all’interno di Confservizi Lombardia ci siamo confrontati molto sull’apporto che le nostre aziende possono essere in grado di fornire al Piano nazionale di ripresa e resilienza, sulla grande opportunità che rappresenta per lo sviluppo dei nostri territori. Occasione che non possiamo e non intendiamo perdere. Proprio per questo diventa sempre più indispensabile agire in un’ottica di rete.

Ne parliamo nel nuovo numero della rivista Servizi&Società (n.2/2021) in distribuzione in questi giorni, partendo anche dall’esempio più concreto della discussione a livello regionale, insieme ad ANCI Lombardia, sul tema della gestione dei rifiuti. Ma parliamo anche di Trasporti, futuro delle case popolari e delle Farmacie pubbliche.

Nel nuovo numero facciamo il punto anche sul nostro viaggio della sostenibilità in Lombardia che si chiude con una prima riflessione a Mantova il 9 luglio. E, ancora, di innovazione nel settore idrico,  Alta formazione, sostenibilità nelle nostre aziende e del valore dello stage.

Per approfondire LEGGI QUI

 

9 luglio | ‘SHARING DAYS. Diario di viaggio della sostenibilità in Lombardia’ – La rete delle Istituzioni

‘SHARING DAYS. Diario di viaggio della sostenibilità in Lombardia’
La rete delle “Istituzioni”

9 luglio, 10.30-12.30
a Mantova presso sede Gruppo Tea + webinar
Accreditato dall’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, iscrizioni attraverso la piattaforma SIGEF
Saluti:
Mattia Palazzi, Sindaco di Mantova
Massimiliano Ghizzi, Presidente del Gruppo TeaIntervengono:
Raffaele Cattaneo, Assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia
Mauro Guerra, Presidente di ANCI Lombardia
Alessandro Russo, Presidente di Confservizi Lombardia
Modera:
Enrico Grazioli, Direttore della 
Gazzetta di Mantova

In occasione dell’Assemblea dei soci di Confservizi Lombardia, a Mantova il 9 luglio, presso la sede della nostra associata Gruppo Tea, si chiude il percorso avviato nei mesi scorsi con un appuntamento on line dedicato al tema La rete delle “Istituzioni”. 

Se i precedenti appuntamenti si sono focalizzati su realtà aziendali volutamente esterne al mondo dei servizi pubblici, il sesto e ultimo incontro pone l’attenzione sul ruolo delle Istituzioni nella diffusione della cultura della sostenibilità nella nostra società.
All’indomani dell’approvazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza da parte della Commissione europea, appare necessario che le diverse componenti della società (Istituzioni, Associazioni, Imprese, Università e cittadini) facciano squadra per riuscire a sfruttare le risorse messe a disposizione dal Piano, valorizzando il proprio territorio. Si tratta di un’opportunità unica che vale la pena cogliere: creare reti e sinergie tra attori diversi per vincere le sfide che abbiamo davanti (la digitalizzazione, l’innovazione tecnologica, la transizione ecologica e l’inclusione sociale). Le reti possono e potranno svolgere un ruolo effettivo di community building per i loro territori.Sarà possibile seguire l’evento on line
La partecipazione al webinar è gratuita previa iscrizione QUI: https://bit.ly/2U1oLBq

L’evento è stato accreditato dall’Ordine dei Giornalisti della Lombardia per la formazione continua. Iscrizioni attraverso la piattaforma SIGEF

1 luglio | Nuovo appuntamento con Spazio Aperto Farmacia

Proseguono gli appuntamenti di “Spazio aperto farmacia”: il progetto sperimentale lanciato da Confservizi Lombardia con l’intento di creare occasioni di informazione e dibattito in favore delle aziende e delle farmacie associate.

Uno spazio aperto, in videoconferenza e senza preliminare convocazione, dove gli amministratori e i direttori delle aziende e società farmaceutiche possono incontrarsi e confrontarsi sui temi di carattere operativo, gestionale o sulle problematiche del momento.

Gli incontri si svolgeranno sulla piattaforma Gotomeeting, ogni primo giovedì del mese.
Il prossimo appuntamento sarà giovedì 1 luglio 2021, dalle ore 14.00 alle ore 15.30.

Per partecipare all’incontro sarà sufficiente collegarsi CLICCANDO QUI

Addio a Giovanni Bordoni, per anni alla guida di Confservizi Lombardia

Confservizi Lombardia dice addio al proprio ex Presidente. Si è spento ieri l’ing. Giovanni Bordoni, alla guida dell’Associazione delle Utility lombarde dal 2006 fino al 2018.
A lui va un particolare ringraziamento da parte del Presidente Alessandro Russo, del Direttore Generale Giuseppe Viola e di tutto lo staff, per l’impegno e la passione con cui ha sempre ricoperto il proprio ruolo istituzionale, senza mai dimenticare l’attenzione alle persone fatta anche di tanti piccoli gesti.
Vicini alla famiglia in questo momento di dolore, vogliamo ricordare l’ing. Bordoni con il discorso con cui si è congedato nel maggio 2018, durante l’Assemblea dei soci tenutasi al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, che ha sancito il passaggio del testimone al nuovo Presidente.
Quel discorso rappresenta la sintesi di una vita vissuta intensamente tra la passione politica e l’attività amministrativa.

I motivi di orgoglio di una lunga presidenza 
di Giovanni Bordoni
(pubblicato sul n.1/2018 della rivista Servizi&Società)

In molti casi i ripetuti rinnovi ai vertici delle Associazioni creano abitudini e un sostanziale immobilismo. Devo premettere che non è stato così, almeno per me e spero per i tanti amministratori delle nostre aziende interessate da vere e proprie rivoluzioni del loro modo di operare, determinate dal vorticoso evolvere dei servizi pubblici locali da logiche di vicinato verso dimensioni di aziende, con bilanci di tutto rispetto, criteri gestionali sostanzialmente di mercato, gestioni del personale attente e meritocratiche e così via.
Questa forte spinta alla dimensione imprenditoriale ha generato un progressivo e lodevole inserimento delle Aziende pubbliche dei vari settori nelle logiche di mercato, tanto da essere ormai in grado di sostenere il confronto con il privato, che non è mai mancato nella gestione delle attività interessate.
La Regione, ma anche le Province e i Municipi si sono rapidamente adeguati alla necessità di gestire i servizi pubblici locali con logiche di impresa.
L’Europa ha contribuito in modo determinante a far uscire il comparto dal limbo in cui per anni si era trascinato al di fuori delle logiche di mercato. Decisiva è stato al riguardo l’emanazione di direttive che toglievano progressivamente la possibilità di gestire i servizi secondo criteri non di mercato, a partire dalla legge Galli sulle acque. I mercati dell’energia si sono aperti, i rifiuti sono passati da problema a risorsa, complice l’affermarsi dell’economia circolare che si va ormai consolidando. Insomma, sono stati anni di grande rivoluzione rispetto all’immobilismo degli anni ’60 e ’70 e questo ha costituito una sfida che in Italia non si è ancora completamente realizzata, complici i ritardi cronici di una parte importante del Paese e della mancanza di capacità di comprendere con convinzione che i servizi pubblici possono costituire una componente fondamentale nell’economia del Paese, se ben gestiti secondo le regole di impresa, con tariffe adeguate e programmazione attenta ai bisogni.
E’ stato per me motivo di vera soddisfazione accompagnare, per quanto mi è stato possibile, questi processi di grande trasformazione del mondo dei servizi pubblici.
La mia storia in Confservizi Lombardia nasce con il compianto ing. Giuliano Zuccoli che fu il mio ‘sponsor’ nell’ingresso in Associazione. Allora avevo appena assunto l’incarico di presidente della Municipalizzata di Sondrio, un’azienda che si occupava di energia elettrica, gestione delle farmacie comunali, rifiuti e servizio idrico. Un mondo nuovo per me che venivo dall’edilizia pubblica come direttore dell’Istituto Case Popolari della Provincia di Sondrio. Devo dire che fu amore a prima vista. Le logiche aziendali erano per me un riferimento preciso e fui ben lieto di lavorare per mestiere sulle case e come amministratore sui servizi che avevano nei cittadini un assoluto e vitale interesse.

Zuccoli mi diede le coordinate e Piero Ramponi, direttore all’epoca di Confservizi, gli strumenti per far bene l’interesse dell’azienda municipalizzata di Sondrio. Qualcuno probabilmente si chiederà come ho fatto a resistere tanti anni alla guida di Confservizi Lombardia. La risposta è molto semplice: ho sempre amato l’imprenditorialità, tanto privata che pubblica, quando erano espressione sana e vitale della nostra società. Ho trovato appassionante vedere come la gran parte delle imprese dei servizi pubblici lombardi abbia saputo evolvere da aziende comunali ad entità autonome, responsabili, efficienti e capaci, anche in ambiti non protetti da logiche pubbliche. E così i miei 8 anni di gavetta si sono sommati ad altrettanti di presidenza, con l’orgoglio di rappresentare, in primis nei confronti dei cittadini, un mondo di impresa sano, efficiente, capace e consapevole dei doveri che il settore pubblico ha nei confronti del mercato, spesso devastato da scorribande di improvvisatori. E tutto questo grazie alla generosità di amministratori che si sono succeduti al mio fianco nella Giunta dell’Associazione, ai direttori che ho avuto a indispensabile supporto (prima il dott. Ramponi e di recente il dott. Giuseppe Viola) che hanno saputo governare le tante iniziative che hanno portato Confservizi Lombardia a livelli di grande considerazione sul piano della capacità e dell’immagine che mi riempiono il cuore di orgoglio.
Spero di essere stato giusto nei ricordi e nei ringraziamenti che vanno ovviamente a tutti coloro, Amministratori e Dipendenti. Tra questi ultimi in particolari ringrazio Anna Faccini per il lavoro di segreteria svolto con così tanta passione e dedizione.
E tutto ciò, in questi anni non facili, consente di lasciare un’Associazione viva, conosciuta e apprezzata in Lombardia e in tutta Italia, per la carica di passione che ne anima l’attività e la dedizione dei colleghi di Giunta, del personale tutto e del direttore generale Viola che è stato instancabile motore di un sistema che si è guadagnato considerazione e apprezzamento a tutti i livelli. Un ringraziamento anche alla Regione Lombardia che non è stata avara di riconoscimenti e considerazione, coinvolgendo l’Associazione nei passaggi essenziali delle diverse declinazioni delle norme e delle leggi che si formavano sui settori d’azione dell’Associazione.
Chiudo con un pensiero per chi ci ha accompagnato in questi anni di forte impegno e che non è più con noi. Il loro ricordo e il loro esempio è stato per me prezioso sul piano umano e tecnico e mi ha arricchito.
A chi accoglierà il testimone di questa lunga presidenza offro una disponibilità tecnica e supporto nei diversi settori nei quali si articolerà l’attività dell’Associazione. A tutti voi che siete stati generosi colleghi in tanti anni un grazie sincero. Abbiamo lavorato per avere una Confservizi Lombardia invidiabile e invidiata in molte regioni. La strada continua. La mia speranza è quella di non buttare al vento le logiche collaborative maturate, in primis con la Regione, che resta il riferimento confermato per scenari che interessano il nostro operare quotidiano.
Alla nuova Giunta e al presidente auguro con i più cordiali auspici di eguagliare e superare il mio record.

ARTICOLO SCARICABILE QUI

NELLA FOTO:
da sinistra l’attuale Presidente Alessandro Russo, Giovanni Bordoni e il Direttore Generale Giuseppe Viola

Avviso di selezione pubblica per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato, di n. 2 farmacista collaboratore. Scadenza: 18 giugno 2021

La nostra associata Farmacie Comunali Corsichesi S.p.A., società a partecipazione maggioritaria pubblica, in esecuzione di quanto deliberato nel Consiglio di Amministrazione del 20 aprile 2021, procederà, con le modalità e alle condizioni di cui al presente avviso e in conformità a quanto previsto dal proprio “Regolamento per il reclutamento del personale” allo svolgimento di una selezione, per prove d’esame, per la formazione di una graduatoria per l’assunzione di 2 “Farmacista Collaboratore” a tempo pieno e indeterminato.

La graduatoria potrà altresì essere utilizzata dalla Società per eventuali assunzioni a tempo indeterminato, pieno o parziale, che si rendessero necessarie durante il periodo di validità della stessa.

BANDO SELEZIONE FARMACISTA

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

 

Scadenza:
La domanda di ammissione alla selezione, corredata di tutti i documenti obbligatori richiesti, dovrà pervenire, a pena di esclusione, al seguente indirizzo: Farmacie Comunali Corsichesi S.p.A. – Via Caboto, 3 – 20094 Corsico (MI) entro e non oltre le ore 13 del giorno 18 giugno 2021.

ASM Magenta | Pubblicati diversi bandi di selezione per la ricerca di personale da inserire in organico

La nostra associata Asm Srl di Magenta ha avviato la selezione per una serie di figure da inserire in organico:

  • Operatori Igiene Ambientale addetti alla raccolta rifiuti e spazzamento stradale – livello 2B CCNL dei Servizi Ambientali (RIAPERTURA DEI TERMINI)
  • Operatori Igiene Ambientale addetti alla raccolta rifiuti in possesso di patente C, CQC e Carta Tachigrafica – livello 3B CCNL dei Servizi Ambientali (RIAPERTURA DEI TERMINI)
  • Operatore addetto alla manutenzione del verde pubblico – livello 2B CCNL dei Servizi Ambientali
  • Addetto contabile livello 2 CCNL del Settore Gas Acqua.

Nella sezione bandi del nostro sito sono disponibili tutti i dettagli: CLICCA QUI

16 giugno 2021 | Sesta Edizione Festival Acqua

16 giugno 2021
on line

Il Festival dell’Acqua, promosso da Utilitalia e giunto alla sesta edizione, si conferma come la più importante manifestazione italiana sui temi che riguardano la risorsa idrica.

L’edizione 2021, per ragioni legate alla pandemia, sarà organizzata interamente in modalità digitale e si terrà il 16 giugno.
Si parlerà dei cambiamenti climatici e della scarsità della risorsa idrica, dei legami tra le direttive europee e l’Agenda Onu per lo sviluppo sostenibile al 2030, di ricerca e di innovazione tecnologica, e ancora di sostenibilità ambientale, infrastrutture e acquedotti, anche nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Il Festival si articolerà in quattro macro-sessioni nelle quali l’approfondimento si nutrirà di contributi insoliti, fuori dagli schemi, per stimolare il pensiero e indirizzare le strategie. Le tavole rotonde saranno strutturate come dei talk durante i quali esperti del settore, rappresentanti del Governo e esponenti politici, coordinati da un moderatore, si confronteranno.

Le sessioni, che inizieranno alle ore 9.30 e termineranno alle ore 18.00, affronteranno i seguenti temi:

-Scarsità – Cambiamento climatico – Innovazione
-Aqua, Mater Vitae: Salute, Tecnologie, Interventi Sistemici
-Percorsi di economia per le Water Utilities
-Policy e Governance

Programma dettagliato nelle prossime settimane su: www.festivalacqua.org